Google AdWords e il conflitto di interessi

Postato da  

Oggi voglio raccontarti un interessante aneddoto su Google AdWords e il “Conflitto di Interessi” tra Google e il Cliente di AdWords (tu).

Ecco cosa è accaduto.

Qualche tempo fa ho avuto modo di lavorare per diversi clienti che puntavano pesantemente su AdWords per la loro pubblicità online (all’epoca seguivo io personalmente le loro campagne, cosa che oggi non faccio quasi più, ma lo lascio fare ai miei studenti e collaboratori). Sono stato contattato da loro perché erano molto preoccupati, in quanto il loro business stava in piedi a malapena nonostante i grandissimi investimenti.

Spendevano più di 10.000 euro al mese in Google AdWords solo per il mercato Italiano e nonostante tutto non riuscivano a generare un numero sufficiente di vendite per avere un business prospero e ottenere profitto.

Quando si sono rivolti a me e ho preso in mano la loro campagna, ho visto un vero e proprio “disastro”, e ho capito subito il perché dei loro problemi.

Le parole chiave erano tutte divise in vari gruppi di annunci con significati “simili” (e fin qui può anche andare bene), ma non c’era nessuna ottimizzazione degli annunci al di là della semplice keyword nel testo dell’annuncio.

Gli annunci erano tutti impersonali, senza “un’anima” e senza una logica “direct response”.

Ma la cosa peggiore era un altra: tutti i costi di tutte le parole chiave erano uguali, e impostati (nel caso specifico) tutti su 2 euro.

Il cliente era sempre primo con tutte le keyword in tutte le campagne, molto spesso in premium position (quella centrale e più costosa). Non solo: questo accadeva anche quando c’erano SOLO 3 concorrenti in tutto (per una certa parola chiave), e non c’era assolutamente bisogno di essere in quella posizione, non a quei costi quantomeno.  Insomma non era stata applicata nessuna delle regole di buon senso che sono contenute nella mia Guida e che qualsiasi consulente indipendente preparato seguirebbe.

Di fronte a tutto questo mi chiedevo quale potesse essere stata l’agenzia di web marketing che avesse fatto un simile lavoro, così ho chiesto delucidazioni al cliente.

Ebbene con mia buona sopresa (ero ancora “giovane”) il cliente mi ha detto che era stato contattato da Google, e la campagna l’avevano impostata completamente gli esperti di Google per ottenere il massimo dei contatti commerciali possibili.

Ah! Allora ho cominciato a capire il perché di quell’impostazione, e a “vederne” il senso.

Decine, centinaia di parole chiave, alcune difficilmente pertinenti, rete di contenuti con gli stessi prezzi della rete di ricerca, parole tutte in premium position… la campagna era stata impostata con lo scopo di generare il massimo numero di click possibili (non di contatti commerciali!). E quando dico il massimo, intendo il massimo a qualsiasi prezzo!

Ci sono voluti 2 mesi per sistemare la campagna in modo efficace ed un lavoro continuo per mantenerla in “buona salute” (la gestione di una campagna AdWords di queste dimensioni richiede una continua logica di ottimizzazione).

Ora il cliente è passato a spendere meno di 5.000 euro al mese, con l’80% del traffico di prima, ma con le stesse identiche vendite (e tutto questo l’ha portato ad essere IN ATTIVO e soddisfatto di Google AdWords, come quasi tutti gli imprenditori che lo usano come si deve!).

Il mio consiglio quindi è questo: attenzione  alle proposte dei commerciali di Google che ti chiamano solo se superi un certo budget mensile!

Quel tipo di servizi sono pensati soprattutto per le multinazionali che non si curano molto dei RISULTATI di profittabilità di una campagna, ma puntano piuttosto ad utilizzare tutto il badget disponibile (il che ha senso solo nel caso si faccia “branding”, e si ci si possa permettere di farlo senza un ritorno economico diretto dalla campagna).

Con questo non voglio dire che Google cerchi di proposito di non fare un buon lavoro con te, ma semplicemente che le logiche che lui segue non sono quelle del “direct response marketing” da piccola e media impresa.
Il piccolo imprenditore ha bisogno di risultati subito, e di ottenere profitti velocemente. Per questo usa AdWords.

Invece Google cerca di farti avere il massimo del traffico allo scopo di farti esaurire il massimo del tuo budget giornaliero.

C’è un conflitto di interessi insomma (e anche di obiettivi!). D’altra parte loro sono un’azienda quotata in borsa, ed è anche comprensibile che facciano così. Ma tu sei un piccolo imprenditore, ed è comprensibile che ti proteggi da questi fenomeni. Per questo fai attenzione: gestisci in autonomia la campagna, oppure falla gestire da consulenti che siano indipendenti da Google.

Così eviterai impostazioni troppo “ottimistiche” che potrebbero danneggiare gravemente il tuo business, e otterrai profitto con Google AdWords.

Un buon modo per iniziare (se vuoi imparare a gestire una campagna in autonomia) è utilizzare la guida Crea Profitto con Google AdWords. Altrimenti puoi richiedere una consulenza-adwords.php”>consulenza ad uno specialista NON collegato a Google.

A presto!

Comments

  • Pingback: Google AdWords Qualified Individual: Tutela per il cliente o Strumento di Promozione per il Consulente? | Giulio Marsala: blog ufficiale - Google AdWords e Marketing a risposta diretta -()

  • http://www.sitovivo.com/ Fabio Pagano

    Ottimo esempio Giulio… Ne ho visti anche io tanti…

    E… sempre per restare in tema di conflitto di interessi…

    E' simpatico che Google stessa verifichi i click fraudolenti degli annunci pay-per-click
    (a sentire loro ovviamente…).

    Non pensi anche tu? 😉

  • http://www.giuliomarsala.com Giulio Marsala

    Ciao Fabio… si è simpatico.
    D'altra parte su questo credo siano in buona fede. Intendo: se ci fosse un “garante esterno” sarebbe come dire che questo ente potrebbe accedere ai DB di tutti. Un po' “orwell 1984″. Forse meglio tenersi il dubbio. In ogni caso io non ho mai avuto grossi problemi di click fraud. PS (ti scrivo al volo dagli USA, ti ho beccato per un pelo :) ).

  • mauropolato

    ciao giulio,

    io sono diciamo l ultimo arrivato…leggendo qui sotto mi e' sorto un dubbio, nel tuo corso dicevi che anche se metti un budget alto in realta google ti fa pagare solo un po di piu del secondo della lista (nel caso io voglia stare al prima posto) e sempre considerando il CTR. qui pero questo tuo cliente ha messo 2 euro in parole chiave poco usate e spendeva molto…..ma in teoria almeno per quelle parole chiave avrebbe dovuto spendere poco piu del secondo e non 2 euro?
    grazie della risposta. non sono ancora tra di voi ma conto di chiamare domani per alcune veloci informazioni ed iniziare con la parte avanzata di adwords.
    ciao mauro

  • http://www.giuliomarsala.com Giulio Marsala

    ciao, dipende da quanto aveva messa il secondo! Se anche lui aveva messo alto (e via via a catena) e l'ultimo,a causa di un basso punteggio di qualità, aveva un CPC alto… hai capito cosa accade

  • Alessandro

    Ciao Giulio, posso farti una domanda? Ma se io mi faccio aiutare in una campagna da un consulente Google e questo fa “come dici”. Io spendo un sacco di soldi ma, non avendo riscontro, chiudo la campagna e smetto di spendere… Quindi, anche se fossero guidati da logiche commerciali, non credo Google sia così “stupida” da zapparsi sui piedi in questo modo..
    Mi sembra ovvio che tanto più sono soddisfatto della campagna tanto più vorrò investire, no?

  • http://www.giuliomarsala.com Giulio Marsala

    Ciao, tra “farti spendere un sacco di soldi” e “ottimizzare una campagna” ci sono infiniti livelli. E' il focus che è diverso: il loro focus è: “quanto puoi spendere?” Se tu gli dici 100, loro ti fanno spendere 100. E tu non saprai mai se con 50 avresti ottenuto lo stesso risultato.

  • http://twitter.com/mistercall360 Marco

    giulio cia e a tutti acc vuoi vedere che il post di prima è andato nullo,bho passerò a vedere by mistercall360

  • Mmgherse

    Esco un po' dal tema, ma perchè non trovo alcun accenno agli orari di pubblicazione degli adwords? Un orario più “tranquillo” (ad esempio le ore serali) non porterebbe maggior profitto?

  • http://www.adwordsvincente.com/ Giulio

    Ciao, qualche riflessione la trovi qui
    http://www.adwordsvincente.com…/

  • http://www.planet-computer.it Stefano Laschi

    Vicenda vissuta nemmeno tanto tempo fà, ma io già mi sono posto da subito la domanda.. “ma che interessi ha Google nel farmi e gestirmi una campagna?” la risposta l’hai data tu con questo articolo!
    Ma che bravi… nel frattempo io ho reiniziato la mia campagna seguendo le Vostre indicazioni e devo dire che sta già dando i suoi risultati.. altro che Consulente Specialist di Google… ma per favore..

    Vi ringrazio per il già ottimo aiuto che ho potuto avere consultando le vostre guide, certo potrei fare ancora meglio… ma per questo ci vuole tempo, oppure mettersi in mano a qualcuno esperto, ma io preferisco gestirmela da solo, non perchè credo di saperla fare benissimo ma perchè ritengo che se non imparo mai mi dovrò eternamente appoggiare a qualche professionista, che non costa certo 2 lire.

  • Avv Renatofiorentino

    conosce bene questa storia. E’ capitata anche a noi

  • Doldam

    Tutto ciò che Lei   scrive è interessantissimo , io purtoppo non sono in grado di creare da sola una campagna e soprattutto ad ottimizzarla. Come posso fare per essere aiutata? Un grazie infinito

  • http://www.facebook.com/daniele.debortoli Daniele de Bortoli

    Ciao Giulio,quello che dici è maledettamente vero,purtroppo ho fatto una promessa ad un amico che ha lavorato da consulente esterno come partner certificato di Google Adwords,che mi ha rilevato cosa che solo a sentirle ci sono rimasto veramente malissimo.